07/05/2012 News da Federcampana
BCC NAPOLI, BILANCIO APPROVATO IN UTILE. MANZO CONFERMATO PRESIDENTE - SEPE: LA COOPERAZIONE E’ IMPORTANTE IN QUESTA FASE DI CRISI

E’ stato approvato oggi il bilancio della Banca di Credito Cooperativo di Napoli, con un bilancio in utile dopo soli due anni e mezzo di attività e con una prospettiva molto positiva visti i dati della trimestrale in crescita. E’ stato confermato anche il presidente del consiglio d’amministrazione Amedeo Manzo all’unanimità nel corso dell’assemblea dei soci che si è svolta all’Auditorium “Mediterraneo” della Mostra d’Oltremare.
“Proprio di recente Giuseppe Toniolo, teorizzatore della cooperazione, è stato beatificato. E invito anche voi a proseguire in quell’opera di solidarietà e cooperazione soprattutto in questo momento di grave crisi economica. Come voi state facendo già dovete proseguire ad essere vicini soprattutto agli artigiani, ai piccoli imprenditori, alle famiglie che hanno bisogno”. Con questo invito S.E. il cardinale Crescenzio Sepe ha voluto salutare il presidente Manzo e i soci della BCC di Napoli, indicando nelle banche un soggetto essenziale per la rinascita in questi momenti di difficoltà.
Numerose le autorità presenti come il presidente della Camera di commercio Maurizio Maddaloni che ha sottolineato che “in un sistema fortemente banca rizzato come il nostro il prestito negato alle imprese ha immediate ripercussioni a catena. E’, dunque, importante avere banche come la vostra che facciano bene il proprio lavoro”; il presidente della Mostra d’Oltremare Nando Morra, il generale  di Divisione  - Comandante Regionale Della Gdf Giuseppe Mango, il segretario regionale della Cisl Lina Lucci che “ha invitato gli enti locali a essere vicini davvero alle banche cooperative affidando loro le tesorerie”. Presenti, tra gli altri, Alessandro Azzi, Presidente Federcasse, già uomo dell’anno nel sistema bancario e Franco Vildacci di Federcampana, oltre Giovandomenico Lepore appena nominato – primo in Campania - presidente dell’Organismo di vigilanza ex D.Lgs. 231/2001i.
“Un risultato importante quello che oggi presentiamo e che conferma la bontà del nostro progetto di voler essere una banca di territorio, vicino alle persone per contribuire alla rinascita economica e sociale della nostra città”, ha dichiarato il presidente Amedeo Manzo, dopo aver sottolineato alcuni dati, tutti positivi: “il documento ufficiale presenta una dinamica positiva delle poste economico-finanziarie e patrimoniali, a cominciare dagli impieghi, cresciuti in controtendenza al mercato a 24,6 milioni di euro (+43% nell'anno), assicurando così adeguato supporto alle istanze del territorio. Le risultanze di gestione hanno rilevato inoltre una raccolta complessiva di € 59,8 milioni con un incremento del 39%  ed un capitale sociale  € 7,3 milioni con un incremento del 7.9%.  Il conto economico chiude in positivo  con un risultato netto d'esercizio di circa 54 mila euro, dopo la rilevazione degli oneri fiscali e di prudenti svalutazioni. Il rapporto sofferenze/impieghi, al netto delle svalutazioni, è stato pari all'1,2%; un dato positivo, al di sotto della metà della media del settore da attribuire all’impegno  profuso per il presidio dei rischi di credito. In crescita la base sociale, segno della fiducia riposta nel progetto,  con l’ingresso nel corso del 2011 di 110 nuovi soci. Nel  2011 i clienti hanno raggiunto numero di  oltre 2.000. Confermano il trend positivo i dati del primo trimestre 2012 con la raccolta complessiva attestatasi a € 62,1 milioni e gli impieghi a € 27,0 milioni (prestiti accordati per € 36,7 milioni) con relativo proporzionale incremento del risultato economico.