21/12/2006 News da Federcampana
CREDITO COOPERATIVO:

Nasce la Banca di Credito Cooperativo di Napoli.
 
Firmato ieri mattina a Napoli l’atto costitutivo della Banca di Credito Cooperativo di Napoli. Un’operazione complessa che ha portato alla convergenza di tre comitati promotori differenti che da alcuni mesi si stavano muovendo autonomamente per far nascere la prima Bcc del capoluogo partenopeo.
 
Sono oltre 1400 i soci che danno vita alla nuova Banca che si pone nel pieno spirito di quella Cooperazione di Credito già forte in Italia di 440 Bcc, di cui 22 in Campania.
Il piano strategico della neonata Banca di Credito Cooperativo di Napoli prevede per il 2010 una raccolta di circa 50 milioni di euro. Sul versante degli impieghi, per la stessa data è prevista l’attivazione di linee di credito per 25 milioni di euro. Il capitale sociale previsto per il 2010 sarà invece di 10 milioni di euro.
 
L’iniziativa è stata fortemente voluta e sostenuta anche dalla Federazione Campana delle Banche di Credito Cooperativo, presieduta da Silvio Petrone che raggruppa le 22 Bcc già presenti sul territorio regionale.
Il Direttore della Federazione Campana delle BCC, Francesco Vildacci, ha ribadito tale volontà segnalando l’impegno del credito cooperativo campano e di quello nazionale.
“Quella costituita ieri a Napoli - ha dichiarato Vildacci - è una Banca di Credito Cooperativo –che può fornire risposte ai bisogni e alle istanze provenienti dal tessuto socio-economico della capitale del Mezzogiorno”.
 
In questa fase di avvio la neonata Banca di Credito Cooperativo si avvarrà del sostegno organizzativo della Bcc del Garda, una delle Banche del Credito Cooperativo più importanti e più antiche d’Italia che è guidata da Alessandro Azzi, attuale Presidente nazionale della Federazione delle Bcc.
L’assemblea dei soci, a cui è pervenuto il messaggio augurale del Sindaco della Città di Napoli Rosa Russo Iervolino, ha nominato il Consiglio di Amministrazione ed il Collegio Sindacale.
 
A presiedere la costituita Bcc di Napoli è stato chiamato Claudio Tia, con lui, nel CdA, siederanno Vittorio Orciuoli e Ferdinando Flagiello, che presiedevano i comitati promotori della Bcc Pmi e Bcc Parthenope. Faranno parte del Cda Amedeo Manzo, Alessandro Capuozzo, Giovanni Coppola, Lorenzo Mazzeo, Giuseppe Trimarchi, Pasquale Salemme, Massimo Esposito. Nel Collegio sindacale sono stati eletti  Mario Bonito Oliva, (Presidente), Antonio Piccolo ed Ernesto Santaniello (Sindaci effettivi), Stefano Coscia e Stefano Stanzione. Nel Collegio dei Probiviri: Presidente, Massimo Prodigo, membri effettivi: Carlo Esposito e Ciro Riccio.
 
 Viva soddisfazione ha espresso il neo presidente Claudio Tia, dopo la firma dell’atto costitutivo: “Si concretizza un progetto importante e che vede coinvolti moltissimi soci provenienti da ogni settore dell’economia cittadina – ha dichiarato Tia – L’esperienza della cooperazione di credito è differente da ogni altra realtà bancaria perché mette al primo posto i soci e la cooperazione nelle scelte operative. Crediamo che gli antichi valori espressi nel Credito Cooperativo possano avere un forte impatto in una realtà sociale come quella partenopea in cui è forte la richiesta di esperienze che partano dalla base sociale, anche nell’ambito finanziario. Il sistema “a rete” delle Bcc nell’ambito nazionale e regionale, ci permette altresì di essere comunque pronti e competitivi nel rispondere alle sollecitazioni di un mercato in costante evoluzione”.