16/02/2016 Notizie
DECRETO LEGGE DI RIFORMA DEL CREDITO COOPERATIVO
 
CONSTATAZIONE ACCOGLIMENTO ALCUNI ELEMENTI DELL’IMPIANTO.
FORTI PERPLESSITA’ SU ALCUNI ASPETTI TECNICI E SU WAY-OUT.
INDISPENSABILI MODIFICHE IN PARLAMENTO
 
Il Decreto legge sulla riforma delle Banche di Credito Cooperativo italiane, approvato
dal Consiglio dei Ministri il 10 febbraio scorso, è stato reso noto oggi, con la firma del
Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.
Federcasse constata l’accoglimento di alcuni elementi caratterizzanti l’impianto della
proposta messa a punto dopo un ampio dibattito interno al Credito Cooperativo e un
confronto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze e la Banca d’Italia.
Allo stesso tempo, Federcasse esprime forti perplessità anche di natura tecnica su
alcuni profili del provvedimento, oltre a ribadire la non condivisione della modalità con cui
verrebbe resa possibile la cosiddetta way-out e del mancato recepimento di quanto previsto
nella proposta di autoriforma sulle specificità di alcuni territori a statuto speciale, in
particolare per il sistema delle Casse Raiffeisen altoatesine.
Federcasse ritiene pertanto che importanti modifiche siano indispensabili per dare
compiutezza all’ambizioso disegno riformatore e che potranno essere discusse e approvate
dal Parlamento nel corso dell’iter di conversione del decreto.